Analisi degli infortuni a Varese 2016-2020

Questa analisi prende in considerazione il periodo 2016-2020 e tratta molteplici aspetti del fenomeno infortunistico:
esamina l’andamento degli infortuni nel tempo, per genere e nazionalità e per settore (in specifico per i settori con il maggior numero di infortuni), analizza l’incidenza degli addetti sugli infortuni e conteggia i giorni indennizzati, raffronta i dati rispetto alle altre province lombarde e esamina, infine, il dato degli infortuni mortali in Lombardia.

I dati relativi alle denunce di infortuni sul lavoro, in provincia di Varese, registrano nel 2020, rispetto all’anno precedente, un incremento del 4,1%, passando da 9.727 del 2019 a 10.128 nel 2020.

Anche per i primi sette mesi dell’anno 2021, da gennaio a luglio, si conferma un aumento (+6,0%), delle denunce di infortunio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (4.505 gennaio-luglio 2020, 4.775 gennaio-luglio 2021).

E’ bene precisare fin da subito che i casi di Covid contratti sul luogo di lavoro si configurano come infortuni, pertanto gli incrementi sono da attribuire soprattutto alla pandemia. Infatti, l’art. 42 del D.L. n. 18/2020 equipara il contagio da COVID-19, avvenuto in occasione dello svolgimento di attività lavorativa all’infortunio sul lavoro, quindi il lavoratore può beneficiare della copertura assicurativa Inail.

 INAIL_2016-2021 – 998 KB

Visualizza tutte le analisi in evidenza
Visualizza tutte le analisi in evidenza

Cliccando su "Accetta" si presta il consenso all'utilizzo di cookie di terze parti sulla base della Direttiva 2009/136/CE e del nuovo regolamento sulla privacy GDPR UE 2016/679. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi