Tutti gli articoli di xva8021

Economia del welfare in provincia di Varese

Il ricerca è stata realizzata da CREMS e da LIUC Innovazione e Brevetti e promossa dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Varese.

Il booklet è stato realizzato nel 2014 in stretta e costante collaborazione con la Camera di commercio di Varese e le Organizzazioni Sindacali (OO.SS.), lo studio è nato con l’obiettivo di mettere a disposizione di tutti gli stakeholder del settore una fotografia aggiornata del quadro occupazionale dei servizi del welfare operanti sul territorio provinciale, anche al fine di individuare, in ottica prospettica, le condizioni di contesto e gli interventi di sistema che possono facilitare l’occupazione di macro tipologie professionali all’interno del settore.

 Booklet_Ricerca Welfare – 1,53 MB
 Ricerca_LIUC_WELFARE_estesa – 4,34 MB

Vai alla sezione dedicata a indagini, studi e ricerche sull'economia provinciale.

Ambiente – Ecosistema Urbano 2015

Varese guadagna 17 posizioni nella classifica sullo stato di salute ambientale nei comuni capoluogo di provincia, elaborata da Legambiente e Ambiente Italia, con la collaborazione del Sole24Ore. La classifica 2015, infatti, vede Varese risalire dal 66° posto al 49° su 104 comuni analizzati. Varese, dunque si posiziona a metà della classifica guidata da Verbania e che si chiude con Messina.

Varese presenta un buon posizionamento per quanto riguarda l’offerta di trasporto pubblico (13° su 43 città medie), per le aree verdi totali (17° su 104 capoluoghi) e per livello di raccolta differenziata (27° su 104 con una percentuale di raccolta differenziata al 59%).

Peggiori, invece, i risultati di Varese per quanto concerne la diffusione delle energie rinnovabili (82°) e i consumi elettrici domestici (75°), sintomo di una scarsa attenzione ai temi del risparmio energetico. Problematico anche il posizionamento di Varese per quanto riguarda la capacità di depurazione delle acque (71°) e la qualità dell’aria (biossido di azoto e ozono 65°).

In allegato la classifica finale 2015 e il rapporto completo Ecosistema Urbano 2015 (a pagina 106 la scheda ambientale di Varese).

excel-icon Ambiente_ecosistemaurbano_2015_xxiiedizione – 1 MB
excel-icon Ambiente_classifica_ed2015 – 354 KB

Vai alla sezione dedicata a indagini, studi e ricerche sull'economia provinciale.

L’occupazione per provincia

Con un tasso di occupazione pari al 63,7%, Varese si posiziona al 40° posto nella classifica delle 110 province italiane nel 2015. Al primo posto Bolzano con un tasso vicino ai livelli di piena occupazione (71,4%). Peggiore la posizione relativa di Varese per i maschi (44°) piuttosto che per le donne (32°), anche se il gap tra i tassi rimane ampio (15 p.p.) a svantaggio della componente femminile (71,2% vs. 56,2%).

Varese perde ben 17 posizioni rispetto allo scorso anno (23°) e rimane su livelli assai diversi rispetto alla situazione occupazionale pre-crisi. Nel 2007, infatti, Varese era nella parte alta della classifica, 13° per precisione, con un tasso di occupazione pari al 67,9%. Le conseguenze della crisi sul mercato del lavoro nella nostra provincia, dunque, sono evidenti e si sono inasprite anche nell’ultimo anno.

In allegato la classifica provinciale elaborata dall’Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio relative all’occupazione 2015 per genere, comprensiva di tutto lo storico a partire dal 2004.

excel-icon Occupazione 2015 – 58 kB

Vai alla sezione dedicata a indagini, studi e ricerche sull'economia provinciale.

Exportpedia: i processi di internazionalizzazione delle imprese

Exportpedia è un portale finalizzato a monitorare i processi d’internazionalizzazione delle imprese italiane in termini di esportazioni a livello provinciale. Il progetto è stato sviluppato dalla società SudiaBo s.r.l. e la Camera di Commercio di Varese, al pari di altri Enti e Istituzioni come ICE, PaviaSviluppo, Promos, ecc. ha deciso di aderire nel 2015. Il data base dal quale vengono tratte le informazioni è il CoeWeb di Istat. Si raccomanda di navigare nel sito di Exportpedia con Mozilla Firefox o con Explorer 9 e versioni superiori.

Vai alla sezione dedicata a indagini, studi e ricerche sull'economia provinciale.